Commemorazione

Caltanissetta: Mattarella ricorda Saetta e Livatino

Sergio Mattarella
25 set 2015 - 18:55

CALTANISSETTA - Per la cerimonia di commemorazione dei magistrati uccisi dalla mafia, Antonio Saetta e Rosario Livatino, Caltanissetta ha accolto il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella

Saetta fu ucciso sulla strada Agrigento-Caltanissetta il 25 settembre 1988 durante il ritorno a Palermo da Canicattì, Livatino invece fu assassinato lungo la Agrigento-Caltanissetta il 21 settembre 1990 mentre si stava recando in Tribunale ad Agrigento.

Il procuratore generale di Caltanissetta, Sergio Lari, ha sottolineato l’importanza della visita del presidente per la città e in particolare per il suo distretto giudiziario in un momento in cui si è parlato di abolire il distretto di Corte d’Appello. A tal proposito infatti Lari ha affermato: “Questo è un distretto importantissimo, che non può essere abolito perché qui si celebrano indagini e processi di grande rilevanza, basti pensare soltanto a quelli riguardanti le stragi di Capaci e via D’Amelio“. 

Un momento importante della giornata, oltre ovviamente alla commemorazione, è stato quello in cui Mattarella, insieme ai rappresentanti della magistratura nissena, si è recato al primo piano del palazzo di giustizia per osservare una parete del corridoio d’ingresso sulla quale sono state riportate le frasi pronunciate da alcune vittime di mafia

Inoltre il presidente ha deposto una corona di fiori nel “Cimitero dei Carusi”monumento dedicato alle vittime delle miniere di zolfo di Gessolungo

Commenti

commenti

Valentina Nicotra



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento