Sanità

Borsellino rinnova “fiducia nei medici siciliani”

lucia borsellino
L'ex assessore regionale alla Sanità Lucia Borsellino
9 mar 2015 - 19:11

PALERMO - Una nuova stagione nei rapporti fra assessorato regionale e ordini dei medici quella avviata oggi attraverso l’incontro avvenuto questa mattina in piazza Ottavio Ziino fra l’assessore alla Salute, Lucia Borsellino, e gli ordini dei medici chirurghi ed odontoiatri della Regione siciliana, rappresentati da Renato Mancuso e Salvatore Amato, rispettivamente presidenti dell’ordine dei medici di Enna e di Palermo.

Nel corso dell’incontro l’assessore, nel ribadire la sua piena fiducia e apprezzamento nell’operato svolto da tanti validi medici siciliani e dagli ordini professionali ha tenuto a spegnere sul nascere voci riguardanti presunte azioni di querela nei confronti di medici siciliani. “Il personale sanitario e gli amministratori del sistema salute – dice l’assessore Borsellinosono le due braccia operative del medesimo sistema che devono remare nell’identica direzione del miglioramento dell’assistenza e della cura, della crescita nel rapporto e nella fiducia medico-paziente. In questo contesto la collaborazione non è solo auspicabile, ma doverosa”.

Un’occasione – afferma Salvatore Amatovolta a rilanciare una collaborazione costruttiva con l’assessorato competente, che è assolutamente necessaria, posto che la tutela del diritto alla salute non può che passare attraverso il confronto con i medici che tutti i giorni vivono sul campo le difficoltà di un momento storico che richiede grande sforzi per contemperare il delicato compito dell’aver cura con le esigenze di contenimento dei costi rispetto ad una aumentata richiesta di salute”.

Questo incontro – sottolinea Renato Mancusoha trovato la sensibilità dell’assessore circa l’esigenza di rilanciare il dialogo con la categoria medica siciliana nell’ottica di una comunicazione più chiara e coordinata sui temi della salute, nell’obiettivo comune di rafforzare il buon funzionamento dell’offerta sanitaria ai cittadini e ricollocare al centro il rapporto fiduciario tra medici e pazienti, ma anche la sinergia tra istituzioni, indispensabile per trovare punti di convergenza su questioni essenziali volte a qualificare sempre di più i percorsi di tutela della salute pubblica, ma anche per garantire quella serenità agli operatori sanitari che ogni giorno combattono una dura lotta per dare speranza ai malati e per affiancare con etica e abnegazione i cittadini-pazienti ”.

Maria Grazia Elfio

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento