Distretto Agrumi

“No al blocco delle attività di trasformazione delle arance”

agrumi
2 mag 2016 - 19:40

CATANIA - “Non possiamo lasciare sugli alberi le arance destinate alla trasformazione. Sarebbe un colpo durissimo per i produttori e per l’intera filiera produttiva. È fondamentale che le industrie siciliane proseguano le attività di trasformazione degli agrumi a polpa rossa per ulteriori 15 giorni, così come richiesto dalla commissione tecnica prodotto trasformato coordinata dal Distretto Agrumi di Sicilia e dall’assessorato Agricoltura della Regione Sicilia che si è riunita la scorsa settimana a Palermo”.

A parlare è Federica Argentati, presidente del Distretto Agrumi Sicilia, con un pressante invito, rivolto principalmente ai rappresentanti delle industrie dislocate in Sicilia, per incentivare a continuare le attività di trasformazione degli agrumi per un tempo più prolungato.

“Le industrie di trasformazione – spiega – non possono tirarsi indietro in questo momento così delicato. C’è l’Accordo di filiera prodotto trasformato sul quale solo la parte industriale deve ancora esprimersi e la disponibilità dell’Assessorato regionale a sostenere tale accordo. Ci sono richieste ben precise volte ad una riorganizzazione complessiva della filiera, al monitoraggio delle produzioni commercializzate e trasformate attraverso azioni specifiche e già concordate, alla modifica di alcune direttive comunitarie che tutelerebbero molto meglio le nostre produzioni. Abbiamo già fatto presente all’Assessorato che occorre promuovere e sostenere il prodotto siciliano trasformato con una forte campagna mediatica che ne valorizzi la provenienza”.

“I produttori scontano già prezzi bassissimi e uno stop alla trasformazione degli agrumi non sarebbe sopportabile. Per questo chiediamo che la campagna di trasformazione del prodotto a polpa rossa prosegua per tutto il periodo richiesto – aggiunge Argentati – e non per un periodo inferiore, una sola settimana, come sembra voler concedere l’industria di trasformazione. Ci auguriamo che anche l’assessore Cracolici voglia esprimere il suo invito in tale direzione. Comprendiamo le esigenze degli industriali, e ringraziamo anche quanti, tra questi, hanno dato e continuano a dare una pronta e massima disponibilità, ma per fare filiera occorre agire in una visione unitaria. Solo così il comparto potrà crescere e superare le difficoltà”.

“A tutti i tavoli tecnici – aggiunge Giuseppe Di Silvestro, presidente CIA Cataniaabbiamo invitato le industrie a proseguire la trasformazione del prodotto rosso, in particolare della varietà tarocco che è molto richiesta dal mercato. Bisogna fare lo sforzo di continuare a trasformare per tutto il mese di maggio. Se così non fosse, saremo costretti a scendere in piazza perché le arance rimarrebbero sugli alberi e si arrecherebbe un gravissimo danno a tutto il comparto. Il blocco della trasformazione causerebbe una situazione di estrema gravità che istituzioni e industrie non devono sottovalutare”.

“Quella che ci è stata prospettata sembra l’ennesima presa in giro – sottolinea Giovanni Selvaggi, presidente di Confagricoltura Catania -. Il prezzo che un’industria di trasformazione ci ha offerto, ben 3 centesimi al di sotto del costo di raccolta, è quasi surreale. Un’offesa ai produttori che già percepiscono un misero corrispettivo di 10 centesimi al chilo che riesce a malapena a coprire i costi di raccolta”.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA