Carabinieri

Biancavilla, travolto da auto e colpito da fucilata: ferito pregiudicato

Ucciso perché rubava marijuana, arrestati due incensurati di Marsala
Ucciso perché rubava marijuana, arrestati due incensurati di Marsala
11 gen 2016 - 17:26

BIANCAVILLA - Travolto da un’auto prima e colpito con una fucilata al braccio poi.

Sarebbe questa la dinamica dei fatti di ciò che è accaduto ieri sera a Biancavilla: tentato omicidio a tutti gli effetti al quale il 44 enne pregiudicato Giuseppe Amoroso è riuscito a scampare.

I Carabinieri di Biancavilla, assieme ai colleghi della compagnia di Paternò, stanno indagando raccogliendo gli indizi e le testimonianze necessarie per delineare un quadro preciso sull’accaduto: sembrerebbe infatti che Amoroso, guidando il suo motorino, sia stato improvvisamente centrato in pieno da un auto. Da lì sarebbe poi scesa una persona che lo avrebbe colpito con una fucilata al braccio.

La pista più battuta è quella della guerra all’interno del clan biancavillese Santangelo visto che Vito Amoroso, fratello della vittima, è ritenuto dagli inquirenti un esponente della locale organizzazione criminale.

Giuseppe Amoroso non è volto nuovo ai Carabinieri: nel 2013 infatti fu già arrestato per detenzione illegale di armi alterate (due pistole calibro 7,65) e munizionamento. L’uomo adesso si trova ricoverato in ospedale e non sembrerebbe in pericolo di vita.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento