Blitz

Beni per oltre 5 mln sequestrati al boss Milano, fra questi il negozio “Le Griffe”

vlcsnap-2015-03-07-09h43m58s234
7 mar 2015 - 09:43

PALERMO – Beni per oltre cinque milioni di euro sono stati sequestrati dal Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Palermo, su disposizione del Tribunale – Sezione Misure di Prevenzione, al presunto boss Salvatore Milano, detto “Tatieddu” o “Totuccio”, arrestato nell’operazione Perseo, ritenuto dai Carabinieri l’ex cassiere del mandamento di Porta nuova.

Sotto sigilli una lussuosa villa con piscina, negozi, appartamenti, auto di lusso e conto correnti.

S vlcsnap-2015-03-07-09h44m59s78

“La complessa attività investigativa, svolta attraverso minuziosi accertamenti patrimoniali sui beni ritenuti nella disponibilità di Milano – spiegano gli inquirenti – ha consentito di individuare un ingente patrimonio illecitamente accumulato in diversi anni di malaffare”.

In particolare, tra i cespiti sottratti alla sua disponibilità si evidenziano le quote di maggioranza di due negozi di abbigliamento denominati ”Le Griffe” e tre lussuosi appartamenti nel centro di Palermo, una porzione di una imponente villa con piscina sita nel comune di Trabia, 17 rapporti bancari e tre autovetture.

S vlcsnap-2015-03-07-09h44m41s151

Le indagini patrimoniali sono consequenziali all’operazione denominata Perseo che nel dicembre del 2008 aveva consentito di arrestare Milano quale “uomo d’onore” della famiglia mafiosa di Palermo Centro e ”gestore della cassa” delle tre famiglie mafiose che costituiscono l’articolazione del mandamento cittadino di Porta Nuova.

Nell’ambito del procedimento, Milano è stato condannato dalla Corte d’Appello di Palermo a 6 anni e 4 mesi di reclusione.

“Dalle indagini è emerso come Milano avesse partecipato attivamente a molteplici riunioni finalizzate alla gestione degli affari del sodalizio e avesse curato i rapporti tra la consorteria di appartenenza e le altre di Cosa Nostra”, dicono i Carabinieri.

Il provvedimento del Tribunale ha interessato i seguenti beni: 2 quote pari al 66,66% del capitale sociale della società denominata ”Le Griffe s.r.l.”, avente due rinomati punti vendita in Palermo; 1 quota pari al 50% del capitale sociale della Società denominata ”Pa.Mil s.a.s.”, con sede in Palermo, esercente attività di vendita al dettaglio e ingrosso abbigliamento; 3 appartamenti, 1 monolocale e 1 locale uso rimessa siti in Palermo; 1/3 di nr. 1 villa con piscina su tre piani sita in Trabia; 17 rapporti bancari; 3 autovetture.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento