Raggiro

Banconote false da 50 euro e acquisti senza sosta: arrestati madre, figlia e fidanzato

Spendita banconote false
23 giu 2017 - 11:54

BAUCINA - I carabinieri di Baucina hanno arrestato Tommaso Magnasco, 19 anni, palermitano residente a Bolognetta, Patrizia Manca, 46 anni, palermitana, residente nel posto e la figlia Vanessa Pirrone, 18 anni, nata a Pescia, in provincia di Potenza, e residente a Palermo, (da sinistra a destra nelle foto sotto) per il reato di spendita di banconote false.

MAGNASCO TOMMASO  MANCA PATRIZIA PIRRONE VANESSA

La “banda”, composta da madre, figlia e dal fidanzato di quest’ultima, era riuscita a scambiare ben 8 banconote da 50 euro “false” riproducenti fedelmente la nuova banconota “Serie Europa” messa in circolazione solo lo scorso aprile. I tagli sono stati utilizzati per effettuare acquisti di vario genere in ben sette esercizi commerciali. Oltre a ciò, in un caso hanno avvicinato anche un anziano che, inconsapevolmente, ha scambiato loro il denaro contraffatto con banconote autentiche.
20170622_080255

L’ottima fattura delle banconote contraffatte ha tratto tutti in inganno: solo un commerciante di Ciminna, insospettitosi, ha avvisato i carabinieri. Una volta riconosciuta la banconota falsa sono scattate le ricerche estese anche ai comuni di Ventimiglia di Sicilia e di Baucina. Ed è proprio qui che i militari sono riusciti a riconoscere i tre malviventi a bordo di un’autovettura, rendendo vano il loro tentativo di fuga conclusosi dopo un breve inseguimento.

Sottoposti a un approfondito controllo, sono stati ritrovati 370 euro in banconote genuine, consegnate loro dai commercianti e la merce acquistata poco prima, il tutto restituito agli aventi diritto.

Dopo il rito per direttissimo e il patteggiamento della pena al tribunale di Termini Imerese, Magnasco e Pirrone sono stati condannati a otto mesi e venti giorni di reclusione e 390 euro di multa, mentre Manca a un anno e venti giorni di reclusione e 590 euro di multa, insieme alla misura dell’obbligo di dimora nel comune di Palermo.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA