Indagini

Una banca in mano alla mafia, prestiti agevolati e “via libera” per operazioni “sospette”

soldi
29 nov 2016 - 08:38

PACECO - Una banca al servizio degli esponenti della mafia trapanese.

Ai vertici sedevano personaggi che agevolarono, secondo gli esiti delle indagini della procura di Palermo e della Finanza, operazioni economiche di soggetti legati alla criminalità organizzata.

Su 1.600 soci della Banca di credito cooperativo di Paceco “Senatore Pietro Grammatico” in 357 hanno precedenti penali e tra questi in 11 per reati riconducibili al mondo di Cosa nostra.

Adesso la banca, su disposizione della sezione misure di prevenzione di Trapani, è passata ad un’amministrazione giudiziaria per sei mesi. Si tratta del primo caso, in Italia, in cui una banca viene sottoposta a un provvedimento del genere.

Ad essere agevolata dal mancato controllo sulle operazioni sarebbe stata soprattutto la famiglia mafiosa Coppola. Uno dei Coppola, Rocco, ha occupato la sedia di direttore di una delle cinque filiali della banca, quella di Trapani.

Giuseppe Coppola, socio della banca, ottenne un prestito di 40 milioni di lire nel 1996. Eppure le indagini accertarono che lui e la moglie avevano messo a disposizione la loro casa per un summit mafioso.

Ma ci sarebbe di più. Alla moglie del fratello di un collaboratore di giustizia, Francesco Milazzo, venne concesso di prelevare 120 mila euro dal suo conto senza segnalare l’operazione come “sospetta”.

Un altro cliente della banca, Pietro Leo, padre della attuale responsabile dell’area clienti dell’istituto di credito, sarebbe vicino ad ambienti mafiosi. Eppure, hanno ricostruito dagli accertamenti i finanzieri, ha ottenuto un mutuo di 237 mila euro con un enorme vantaggio: ne doveva restituire solo 135 mila in dieci anni.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA