Servizi

Bagni pubblici di Catania: un “work in progress” infinito

Bagni pubblici Catania 27 novembre 2015
28 nov 2015 - 06:21

CATANIA - Il viaggio itinerante per Catania alla ricerca di bagni pubblici non ha dato alcun riscontro positivo. Abbiamo girato per diversi angoli della città, ma nessun servizio risulta essere funzionante.

L’unica eccezione è per quelli che si trovano nei parchi pubblici, come la Villa Bellini. Ma se mi trovo in giro ed ho esigenza di un bagno, cosa faccio? O chiedo il favore in qualche bar, o compro qualcosa nelle attività commerciali per usufruire del servizio o, se sono abile, cerco un angolo riservato. 

Sicuramente una situazione poco piacevole e che, in termini di qualità della vita, anche per i turisti, fa perdere molti punti alla città etnea. A questo punto, non rimane che cercare risposta nell’amministrazione comunale. Ma, possiamo già anticipare che il punto interrogativo non troverà risposta.

Per avere maggiori delucidazioni, ci siamo rivolti sia all’assessorato per le Infrastrutture e Grandi Opere, Lavori Pubblici, Protezione Civile e Risparmio Energetico, sia a quello dell’Ecosistema Urbano.

Nel primo caso, quindi, ci siamo rivolti all’assessore Luigi Bosco: “So che la situazione dei bagni pubblici non è la migliore e che sono fuori utilizzo da anni. Ma posso dire con certezza che il sindaco ha delle grandi idee e che vuole metterle in atto. L’obiettivo è quello di avvicinarsi a città come Milano o Roma, per offrire un servizio sempre migliore”.

La sua affermazione non ha chiarito più di tanto le idee. Ma, cercando risposte altrove, il risultato è stato sempre lo stesso. Anche l’assessore Rosario D’Agata, infatti, ha risposto in modo abbastanza simile:Sappiamo che attualmente sono chiusi. Ma si può dire con certezza che l’amministrazione ci sta lavorando. Ci sono diverse idee in cantiere per le quali si attende solo di metterle in pratica“.

Il fatto che qualcuno abbia notato il disservizio è sicuramente una cosa che fa piacere, ma non bisogna dimenticare che questo problema persiste da tantissimi anni. E, ancor di più, quello che si vorrebbe sapere è quale sia l’idea per rimettere a nuovo i bagni pubblici e quando.

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA