Interrogazione

Primo bacino portuale di Riposto rischia di diventare una incompiuta. Barbagallo chiede risposte a Crocetta

BARBAGALLO PORTO2
15 giu 2017 - 09:27

RIPOSTO - Da lungo tempo si discute a Riposto sulla necessità di mettere in sicurezza il primo bacino turistico. Le mareggiate del 2009 e del 2015 hanno pesantemente danneggiato i pontili, rendendoli inagibili.

“Il progetto iniziale riguardante la realizzazione della citata area portuale prevedeva l’allungamento del molo esterno fino a quota1,7km. Se fosse stato applicato in toto quanto previsto dal progetto, le mareggiate susseguitesi negli anni di certo non avrebbero causato così ingenti danni da costringere la chiusura dell’intero bacino portuale”, ad affermarlo in una interrogazione con risposta scritta urgente indirizzata al presidente della Regione Crocetta e all’assessore regionale alle Infrastrutture Pistorio, è il deputato zafferanese Alfio Barbagallo, secondo il quale “i mancati immediati interventi di ripristino del bacino portale di Riposto crea enormi disagi a tutta la popolazione, considerando che l’attività e la fruibilità del porto turistico di Riposto, finanziato con fondi pubblici, riveste una funzione strategica per lo sviluppo economico del territorio favorendo la crescita del turismo”.

Il deputato Barbagallo chiede se “la Regione è a conoscenza dell’inagibilità dell’area portuale di Riposto a causa del mancato prolungamento del molo esterno, nonostante l‘infrastruttura sia stata prevista nell’originario progetto”.

E a questo punto, “quali iniziative si intendono adottare per rendere pienamente fruibile il bacino portuale, di fondamentale importanza per l’intera economia locale”.

Nell’interrogazione Barbagallo ritiene “improcrastinabile l’indizione di una conferenza di servizi con l’obiettivo di individuare e risolvere le problematiche in atto esistenti che non permettono il completamento di tale importante opera”.

“Quale cittadino di questo territorio – rimarca Barbagallo – ritengo imprescindibile il mio impegno perché un’opera pubblica di queste dimensioni e dalle grandi potenzialità, non diventi una mortificante incompiuta”.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA