Sospensione

Avrebbe corrotto un dipendente comunale con un anello da 1.200 euro, scattano le indagini

comune-di-avola
14 set 2017 - 18:22

AVOLA – Un anello da 1.200 euro per favorire un’impresa a lui riconducibile. 

È questa la grave accusa che pende su Uberto Masuzzo, 60enne dipendente del comune di Avola, e sul 57enne imprenditore Sebastiano Buscemi: si tratterebbe, per entrambi, di corruzione per atto contrario ai doveri di ufficio.

Secondo le indagini (coordinate dal sostituto procuratore Tommaso Pagano) Masuzzo – addetto al settore Autonomo tutela ambientale - avendo in carica varie procedure di selezione per lavori pubblici da svolgere ad Avola, nella primavera del 2016, avrebbe ricevuto da Buscemi, tramite un gioielliere, il famoso anello.

A Masuzzo è stata notificata la misura cautelare della sospensione temporanea per 6 mesi dall’esercizio del pubblico ufficio. Per Buscemi divieto di dimora nel centro urbano di Avola.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA