La scelta

Aumenti Sostare, è polemica: “A pagarli per il 90% saranno i pendolari”

colonnina-sostare-670x513
12 feb 2016 - 10:39

CATANIA - Le vittime della scelta sarebbero i pendolari. L’aumento delle tariffe Sostare, infatti, per il 90% ricadrà sulle loro spalle. A dichiararlo è stato l’assessore Girlando che, durante una seduta di consiglio che non ha raggiunto il numero legale, ha spiegato tutti i dettagli delle modifiche che verranno apportate al Contratto Sostare.

Affermando, senza colpo ferire, che a Catania siamo sotto la media delle tariffe nazionali ha sottolineato che si tratta di un adeguamento Istat. Ma ciò che preme più all’assessore è sgravare il Comune dal pagamento di costi aggiuntivi alla Sostare per la manutenzione dei semafori, per il servizio Ztl e per la spedizione delle multe. 

A quanto pare, mettendo un freno a queste spese, proprio il Comune risparmierebbe 600 mila euro in Bilancio. Soldi questi che per il 90% verranno pagati dai pendolari. Sarebbe una strategia, stando sempre a quanto ha dichiarato Girlando, per tutelare gli interessi dei catanesi a scapito di chi non vive in città.

Questa scelta, non manca, chiaramente, di suscitare polemiche in Consiglio ma ecco che Girlando si difende: “Chi non vorrà pagare il parcheggio, potrà usufruire della linea metrò Nesima-Stesicoro che verrà inaugurata a luglio”.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA