Polizia

Catania, attive dal 21 dicembre nuove iniziative di controllo del territorio

IMG_20151217_110349
17 dic 2015 - 16:15

CATANIA - Sono state presentate questa mattina, nella sala conferenze della questura, le due iniziative della polizia di Catania che saranno attive dal prossimo 21 dicembre.

Le nuove forme di controllo sono state promosse dal questore Marcello Cardona, proprio in occasione delle festività natalizie, al fine di garantire una maggiore sicurezza sul territorio e  vedono la collaborazione degli iscritti all‘Associazione Nazionale della Polizia di Stato. 

I volontari della polizia durante la loro attività, effettuata solo durante le ore diurne, collaboreranno con gli agenti in servizio. 

Il progetto in sè è stato spiegato dal presidente A.N.P.S del distaccamento di Catania, Giuseppe Chiapparino, che ha dichiarato: “La nostra associazione è come una grande famiglia estesa su tutto il territorio di Catania, tra l’altro pochi mesi fa abbiamo aperto un’altra nostra sede ad Acireale. All’interno del nostro organico non accogliamo solo ex poliziotti ormai in pensione e i semplici volontari ma, da poco tempo, abbiamo aperto le porte anche ai colleghi che sono ancora in servizio. Abbiamo messo su questo bel gruppo di volontari con l’obiettivo di essere l’occhio sempre vigile della polizia. In questo primo periodo, che ci vedrà impegnati in una fase sperimentale, speriamo di fornire un valido contributo“.

Nel corso della conferenza il vice questore aggiunto, Daniele De Girolamo, ha sottolineato che i volontari dell’A.N.P.S. saranno concentrati nelle zone più sensibili della città come via Etnea, Villa Bellini, Piazza Vincenzo Bellini, Corso Sicilia e Piazza Falcone Borsellino, meglio conosciuta come Piazza Alcalà. 

Durante il suo intervento il vice questore aggiunto De Girolamo ha anche presentato il nuovo numero verde 43002 che verrà impiegato nell’attività di prevenzione e contrasto nell’ambito scolastico di fenomeni come bullismo e spaccio di droga: “La modalità di utilizzo del numero verde è molto semplice in quanto basta inviare un semplice SMS al numero dove viene segnalato l’episodio di cui si è testimoni. Dopodiché noi riceveremo il messaggio, che comunque verrà trattato in forma anonima, analizzeremo il caso e valuteremo come intervenire. Questo genere di servizio verrà impiegato nelle scuole per prevenire fenomeni come quello dello spaccio e gli attacchi di bullismo, proprio per questo motivo vogliamo sensibilizzare insegnanti e alunni a farne un buon utilizzo”. 

Oggi presente in conferenza stampa anche il primo dirigente della polizia di stato, dottoressa Stefania Marrazzo, arrivata a Catania solo quattro giorni fa e che si occuperà della divisione anticrimine e del coordinamento e controllo del territorio. 

La dottoressa Marrazzo nel suo intervento si è mostrata soddisfatta delle nuove iniziative, che vedono anche la collaborazione dell‘A.N.P.S., in quanto le permetteranno di avere una finestra privilegiata sul territorio catanese. 

Francesca Guglielmino



© RIPRODUZIONE RISERVATA