Sentenza

Assolto con rinvio il “Re” dei supermercati Scuto

Tribunale Catania
6 ott 2016 - 12:00

CATANIA – La seconda sezione del Tribunale di Catania ha momentaneamente annullato la condanna a 8 anni di reclusione all’imprenditore catanese dei supermercati, Sebastiano Scuto.

L’8 maggio 2015 la Corte d’Appello aveva emesso la sentenza contestando il reato di associazione mafiosa. La Suprema Corte ha stabilito che al fronte di un nuovo collegio dovranno essere valutati i profili relativi alla determinazione del tempus commissi delicti, il trattamento sanzionatorio e la confisca dei beni. 

Totalmente assolto invece dall’accusa di legami con Bernardo Provenzano ed i fratelli Lo Piccolo circa la gestione di centri commerciali in centro a Palermo.

Pienamente compiaciuti i componenti della difesa dell’imprenditore Franco Coppi, Giovanni Grasso e Guido Ziccone, i quali hanno espresso grande soddisfazione per il risultato ottenuto. Il 16 aprile 2012 il Tribunale di Catania l’aveva condannato a 4 anni e 8 mesi di reclusione e assolto dall’accusa di aver gestito a Palermo i centri commerciali in collaborazione con i clan di Palermo.

La sentenza della seconda Corte d’appello nei confronti di Scuto contestò il reato d’associazione mafiosa, provvedendo alla confisca di ben 15 milioni di euro di beni e la restituzione agli aventi diritto.

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA