Criminalità

Arrestato uno degli autori del furto con spaccata da Angiolucci

furto-angiolucci
20 ott 2016 - 17:24

CATANIA - L’immediato intervento della polizia a seguito del furto con spaccata nello store Angiolucci di viale Africa ha permesso l’arresto di uno degli autori. Ecco come le forze dell’ordine sono riuscite a consegnare il rapinatore all’autorità giudiziaria.

Intorno alle ore 05:20 la Sala Operativa della Questura ha informato le volanti di zona del furto in atto, che prontamente hanno circoscritto il quartiere “San Cristoforo”, ad elevata densità criminale, per chiudere le vie di fuga ed intercettare gli autori del criminoso gesto.

Una volante, percorrendo via della Concordia (in direzione piazza Caduti del Mare), ha notato sopraggiungere nel senso di marcia opposto numerosi mezzi che, a forte velocità, suonando i clacson, tentavano di crearsi un varco tra gli altri mezzi in circolazione. Tra questi anche un motociclo Honda SH 300 di colore nero con due soggetti a bordo che faceva da “apri pista”.

La volante, dopo aver dato l’allarme via radio, si è posizionata in modo obliquo al fine d’impedire il transito dei mezzi di fuga. Il motociclo con i due soggetti a bordo è riuscito a superare il posto di blocco passando a forte velocità, rischiando di scontrarsi con la volante. Poco dopo però, il conducente ha perso il controllo del mezzo, finendo a terra. Entrambi hanno immediatamente abbandonato il motociclo, fuggendo appiedati.

Il mezzo, la cui targa era nascosta da plastica di colore nero, dopo gli accertamenti del caso, è risultato essere intestato ad Anthony Michael Platania, di 27 anni, residente a Mascalucia.

platania-anthony

Sul manubrio destro è stata rinvenuta una macchia, presumibilmente di sangue. Per questo motivo, sul posto  è sopraggiunto personale del Gabinetto Regionale di Polizia Scientifica che ha provveduto agli accertamenti del caso sul motociclo, successivamente sequestrato.

Platania è stato rintracciato nel Pronto Soccorso dell’Ospedale Vittorio Emanuele, dove si era recato per farsi medicare una ferita lacero contusa riportata sulla mano destra.

Il ragazzo, accompagnato negli uffici della Questura, confessava il furto con spaccata. A causa dei gravi indizi di colpevolezza e del pericolo di fuga, Platania veniva fermato per il reato di furto aggravato in concorso con altri soggetti al momento ignoti sui quali s’indaga.

Aurora Circià



© RIPRODUZIONE RISERVATA