Droga

Arrestati a San Cristoforo i pusher di piazza Dante

spaccio ct 30-9-14
30 set 2014 - 13:14

CATANIA – I carabinieri della compagnia di Catania Piazza Dante hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. del Tribunale di Catania, su richiesta della Procura Distrettuale della Repubblica, nei confronti di cinque persone, di cui una minorenne, tutti ritenute responsabili, a vario titolo, di concorso nel reato di detenzione e spaccio di sostanze stupefacenti.

I provvedimenti sono stati eseguiti tra le vie Abate Ferrara e Naumachia, cuore del popolare quartiere di “San Cristoforo”, a poche centinaia di metri dalla caserma dei carabinieri.

Le indagini condotte dai militari del Nucleo Operativo si sono sviluppate tra marzo ed aprile di quest’anno, ed hanno consentito di individuare un piccolo ma dinamico gruppo di giovani spacciatori che ogni giorno, dalle 14,00 alle 21,00, a causa del viavai di clienti, avevano reso le stradine che costeggiano l’antica Piazza Dante un luogo invivibile per gli onesti cittadini.

Numerosi, in tale contesto, gli episodi di spaccio accertati. Le telecamere, installate dagli investigatori, hanno consentito di portare alla luce una piazza di spaccio alquanto redditizia che annoverava tra la clientela numerosi studenti universitari.

Nel corso delle indagini sono state arrestate altre quattro persone e sequestrati mezzo chilo di marijuana e 50 grammi di cocaina. Questi riscontri, sostenuti da ulteriori approfondimenti investigativi, hanno consentito di scoperchiare il tentativo dei giovani pusher di impossessarsi di una buona fetta di mercato al dettaglio, così da conquistare la fiducia dei grossisti del quartiere che li rifornivano di droga.

Gli arrestati sono: Orazio D’Agata, del 93, Gianluca Del Galdo, dell’87, Agatino Giuseppe Maccarrone dell’87, tutti associati al carcere di Catania Piazza Lanza. Un 32enne è stato ristretto ai domiciliari mentre un 15enne è stato assegnato ad una comunità di recupero in provincia di Agrigento.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento