Mafia

Catania, arrestati esponenti del clan Santapaola-Ercolano

chiesa mascali
11 dic 2015 - 16:14

CATANIA – Grazie al coraggio di un imprenditore che ha denunciato i suoi estortori sono stati arrestati all’alba di oggi, Giuseppe Chiesa, 41 anni,  Lorenzo Mascali di 36 e un terzo uomo, posto ai domiciliari, di cui non è stata fornita alcuna generalità.

Nel dicembre 2013 Chiesa e Mascali si presentarono dall’imprenditore, titolare di una rivendita di auto e moto, per “rivendicare” i diritti lavorativi di un ex venditore e, a titolo risarcitorio, chiesero ben 130 mila euro.

CHIESA Giuseppe classe 1974

Giuseppe Chiesa

 

MASCALI lorenzo classe 1979 (1)

Lorenzo Mascali

Mascali propose all’imprenditore anche un’alternativa: compensare il “credito” nei confronti del protetto abbuonando il proprio debito di 100 mila euro, ma cedendo diversi veicoli senza farseli pagare.

L’atteggiamento prevaricatorio dei due uomini si manifestò anche nei confronti degli altri dipendenti della rivendita, minacciati se non avessero testimoniato contro l’imprenditore a favore del loro protetto. In un’altra occasione, dopo un furto a casa dell’imprenditore Mascali si presentò in azienda affermando che avrebbe potuto interessarsi per la restituzione della somma di denaro trafugata sempre a condizione di una soluzione stragiudiziale della lite.

Atteggiamenti mafiosi che hanno spinto l’imprenditore a denunciarli e fare scattare le indagini. È emerso non solo l’affiliazione di Chiesa e Mascali al clan Santapaola-Ercolano, in particolare del gruppo cosiddetto San Cocimo ma anche l’evasione dalla detenzione domiciliare e dell’inosservanza dell’obbligo di soggiorno.

I due sono stati condotti al carcere di Bicoccca mentre il loro “protetto” è stato posto agli arresti domiciliari.

Viviana Mannoia



© RIPRODUZIONE RISERVATA