Controllo

Scoperto tesoro di armi illegali tra San Cristoforo e Librino: un arresto

armi
8 mag 2017 - 14:08

CATANIA - La polizia di Stato di Catania ha arrestato una donna di 44 anni, Daniela Pennisi, perché ritenuta responsabile del reato di detenzione illegale di armi da fuoco e munizioni oltre al reato di ricettazione delle stesse.

Il personale della squadra mobile, insieme al personale dell’U.P.G.S.P., è intervenuto in via Passarello, nel popolare rione di San Cristoforo, a seguito di una segnalazione di armi illecitamente detenute all’interno dell’immobile della donna.

Dopo un’accurata perquisizione domiciliare effettuata all’interno dell’abitazione, abilmente occultata sotto il tetto, sono stati ritrovati e sequestrati un fucile calibro 12, alcuni caricatori per pistole, fucili e mitragliatori, un silenziatore e diverse munizioni di vario calibro.

Dopo aver ultimato la perquisizione ed aver sequestrato tutto l’occorrente illegalmente detenuto, la donna è stata fermata e posta a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Sempre nel corso di un’operazione volta alla repressione del commercio e detenzione delle armi da fuoco i personale della Polizia di Stato ha effettuato un controllo all’interno di uno stabile che si trova in viale Moncada, nel quartiere “Librino”.

All’interno dello stabile, esattamente tra il quinto ed il sesto piano, gli agenti hanno ritrovato una busta di plastica, ben occultata, contenente un fucile a pompa, un fucile a canne mozze, e dieci cartucce calibro 12.

Sul posto è intervenuto il personale del locale gabinetto regionale polizia scientifica Sicilia Orientale al fine di mettere in sicurezza le armi, che successivamente sono state prelevate e sequestrate per essere messe a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA