Lutto

La storia si ripete: aria triste al Cannizzaro per Fabrizio, quattro anni fa la morte di un compagno

Liceo Scientifico Cannizzaro Palermo
Foto Google
12 mag 2017 - 11:03

MONDELLO - Un fulmine a ciel sereno, in grado di destabilizzare gli animi e la tranquillità di familiari, amici e compagni. Rappresenta questo il tragico incidente di ieri a Mondello (Palermo), che ha causato la scomparsa del sedicenne Fabrizio Ruffino.

L’aria che si respira oggi nella scuola che frequentava, il Liceo Scientifico S. Cannizzarro, è molto triste. Dopo l’annuncio di ieri pomeriggio pubblicato sul sito ufficiale della scuola, a farsi portavoce dell’intero istituto è il dirigente scolastico, Anna Maria Catalano: “Risentiamo molto della notizia. Questa mattina abbiamo osservato un minuto di silenzio in ricordo del nostro alunno, ma l’intera scuola e i suoi compagni di classe hanno cercato di rispondere a quanto accaduto in modo propositivo”.

Oggi, infatti, le lezioni non sono state sospese e professori e alunni si sono uniti per un confronto: “Tutti – sottolinea la preside – hanno espresso la volontà di stare insieme e parlare. Hanno preferito fare gruppo e parlare per fare uscire le proprie emozioni, piuttosto che rimanere a casa”.

Fabrizio è stato descritto da molti come socievole, allegro e amante dello sport in generale. Praticava nuoto e il giorno prima del tragico episodio aveva raggiunto anche un buon obiettivo.

Quanto accaduto ha scosso particolarmente i ragazzi che frequentano il Cannizzaro. Ma la loro forza e reazione, oggi, è più forte che mai: “Gli studenti – racconta la Catalano – stanno preparando cartelloni con foto da mettere all’interno ed esterno della struttura. Hanno anche pensato di piantare un ulivo nel giardino in onore del compagno”.

Come detto un’aria triste, che diventa ancora più malinconica se si pensa che 4 anni fa un altro ragazzo della stessa scuola perse la vita allo stesso modo. Gabriele, era a bordo della sua moto, poi l’improvvisa caduta dalla sella. Un’altra tragica scomparsa, un altro 11 maggio nero.

Gran parte degli studenti sarà presente domani mattina alla funzione in ricordo di Fabrizio.

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA