Dati

Anno da record per la Sicilia nel settore ortofrutticolo: Catania quarta in Italia per impatto economico

pomodoro di pachino
26 mag 2016 - 10:26

CATANIA - Ottimi risultati per la Sicilia per quanto riguarda il suo impatto economico a livello nazionale. Sono, infatti, 29, tra Dop e Igp, i prodotti siciliani che hanno una certificazione dell’Unione Europea.

Dal pomodoro di Pachino al pistacchio di Bronte , dall’arancia rossa ai vari oli d’oliva. Queste sono solo alcune delle specialità dell’isola che hanno ormai registrato un grande consumo sia a livello nazionale che internazionale.

Tra il 2013 ed il 2014 la Sicilia è la regione italiana in cui è cresciuta di più la superficie destinata alle produzioni Dop e Igp estendendosi per oltre 17.875 ettari ( esattamente +1.881 ettari per le Dop e + 11,8 per le Igp) con 2.720 operatori e ben 83 allevamenti.

I dati sono stati recentemente pubblicati da un’elaborazione dell’Associazione italiana consorzi indicazione geografiche (Aicig). Esso è l’organismo che raggruppa circa il 95% delle produzioni italiane, ovvero “Denominazione di origine protetta” (Dop) e “indicazione geografica protetta (Igp).

L’isola, come numero di Ig (indicazioni geografiche) è quinta, ma è prima per gli oli d’oliva (in totale 6 e tutti Dop) e seconda per prodotti dell’ortofrutta con sedici.

Nel settore ortofrutticolo il cavallo di battaglia della produzione siciliana è il pomodoro di Pachino Igp, quinto in Italia per produzione certificata con 6.075 tonnellate e quarto per valore al consumo con ben 26 milioni di euro con un’incidenza sulle produzioni dell’ortofrutta a livello nazionale del 2,6 %.

L’arancia rossa di Sicilia Igp è, invece, ottava per produzione certificata con 4.795 tonnellate e ottava come valore al consumo con 7 milioni di euro. Subito dietro il pistacchio verde di Bronte Dop fa registrare un valore della produzione di 7 milioni di euro ed un valore al consumo di 8 milioni di euro.

Concentrandosi sempre sul settore ortofrutticolo, l’Aicig ha stilato la classifica delle prime 20 province italiane per impatto economico relativamente alle indicazioni geografiche. La prima provincia siciliana presente nella classifica è Catania che è quarta tra le italiane (nonostante un -47% rispetto al 2013) con un impatto economico di 8,4 milioni di euro.

Carlo Marino



© RIPRODUZIONE RISERVATA