Protesta

Il no di Almaviva ai servizi di portierato, i dipendenti: “Scelta incompatibile con la sicurezza dei lavoratori”

protesta sicurezza lavoro
9 nov 2015 - 12:05

CATANIA - I dipendenti di Almaviva, appoggiati dalla SLC CGIL di Catania, organizzeranno nel pomeriggio di oggi un sit in di protesta al fine di convincere i dirigenti del call center a rivedere le ultime decisioni riguardanti la sicurezza dei lavoratori.

Appena due settimane fa infatti l’azienda di Contrada Cardillo ha deciso di eliminare il servizio di portierato. Tale scelta è stata ritenuta dai dipendenti e dai relativi sindacati di appartenenza, lesiva del diritto di sicurezza sui luoghi di lavoro. La protesta scaturisce purtroppo dal verificarsi di alcuni episodi inquietanti all’interno dello stabile: personale non autorizzato si è infatti introdotto in azienda danneggiando alcune apparecchiature della Almaviva. In assenza di ulteriori sviluppi, i dipendenti del call center catanese hanno inoltre deciso di dar vita a “Ronda amica“, un sevizio di vigilanza interno che coinvolgerà proprio i dipendenti.

Intanto la SLC CGIL di Catania ha già provveduto a segnalare l’accaduto ai carabinieri di Misterbianco. Davide Foti, segretario del sindacato, ha infine dichiarato: “Da qualche settimana l’azienda in maniera unilaterale e senza preventivo incontro con i rappresentanti sindacali aziendali, ha soppresso la portineria mettendo a rischio l’incolumità fisica di tutti i lavoratori. Giornalmente e specialmente nelle ore serali e notturne abbiamo rilevato intrusioni di personaggi alquanto discutibili, che senza alcun controllo si sono introdotto nel posto di lavoro. La zona, come ben sapete, è alla periferia del paese e lontano da abitazioni. Vi chiediamo pertanto di provvedere a controlli più frequenti ed incisivi oltre a comunicare che la presente segnalazione è di fatto una presa di responsabilità per l’azienda per eventuali danni a persone o cose“.

A queste parole fanno poi eco quelle riportate sul volantino di protesta realizzato dai dipendenti dell’Almaviva in collaborazione con RSU, RLS ed SLC CGIL: “Da un mese chiediamo un cambio di rotta  sull’argomento, ricevendo solo risposte parziali ed interlocutorie che sanno ormai di beffa. La mancanza di personale in portineria, la non adeguata illuminazione, porte non funzionanti, cancelli esterni aperti anche per tutta la notte, la mancanza di vigilanza serale e notturna sono incompatibili con la sicurezza dei lavoratori di un centro alla periferie di una zona commerciale lontana dai centri abitati“. Il sit in avrà inizio oggi pomeriggio alle 17.30.

Commenti

commenti

Valentina Idonea



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati

Lascia un Commento