Abusi

Agrigento: violenta la figliastra per anni ma se la cava coi domiciliari

violenza
9 set 2016 - 10:11

AGRIGENTO – Prima le premurose attenzioni, poi qualche complimento di troppo e alla fine… gli abusi sessuali ripetuti sulla figliastra minorenne. Ma, forse, se la caverà con dei semplici arresti domiciliari.

Parliamo della storia di un netturbino agrigentino di 50 anni che è stato arrestato ed incarcerato un anno fa per poi essere rinviato a giudizio. Ora, i giudici del Tribunale di Agrigento gli hanno concesso i domiciliari.

In sostanza l’uomo sarebbe stato denunciato proprio dalla ragazzina vittima degli abusi e figlia della convivente del netturbino, che era a conoscenza dei fatti.

Il dato agghiacciante della storia, infatti, è che, secondo la ricostruzione della polizia, la madre abbia spesso assistito alle molestie da parte dell’uomo nei confronti della minore.

L’epilogo della storia è ancora più strano in quanto oggi pare che l’uomo abbia ottenuto gli arresti domiciliari perché proprietario di una casa dove andrà a vivere da solo.

Vittoria Marletta



© RIPRODUZIONE RISERVATA