Furto

Agrigento, tenta di tubare 20mila litri di acqua con un allaccio abusivo: arrestato

cisterna
16 set 2017 - 12:58

AGRIGENTO - Nelle ultime ore, i carabinieri della compagnia di Agrigento e della stazione di Montaperto hanno arrestato per il reato di “furto aggravato” di acqua pubblica, D.S.R. 27 enne del luogo.

I carabinieri, già da alcuni giorni stavano monitorando l’area in questione e l’uomo. Nel corso di un’irruzione all’interno di un terreno, che si trova in contrada Borsellino, i carabinieri lo hanno sorpreso proprio mentre compieva il reato, accertando che l’individuo aveva effettuato, con uno scavo a circa tre metri di profondità, un allaccio abusivo alla condotta idrica gestita dalla società Girgenti Acque, relativa alla tratta Bivona – PortoEmpedocle.

Al momento del controllo, svolto anche con l’aiuto di personale tecnico della società, D.S.R. aveva già riempito una cisterna della capienza di 5000 litri, posta su un autocarro fiat iveco e stava completando il riempimento di un’altra cisterna della capienza di 15.000 litri, posizionata sempre su un altro autocarro. Entrambi i mezzi e le due cisterne, sono stati sottoposti a sequestro. L’arrestato, dopo i rilievi segnaletici in caserma, è stato posto a disposizione dell’autorità giudiziaria.

Foto di repertorio

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



© RIPRODUZIONE RISERVATA