Restyling

Aeroporto di Catania ancora più smart: le innovazioni social e il nuovo logo

Nuovo logo aeroporto social
18 dic 2015 - 15:41

CATANIA - Un aeroporto più smart e attento ai passeggeri in arrivo e in partenza.

Da qui nasce lo spunto per inserire a pieno titolo lo scalo di Catania sui social network con l’hashtag #cataniaairport. Ma non solo, ovviamente, l’aeroporto di Fontanarossa sarà presente su tutti i social più importanti: Twitter, Facebook, Instagram, Google plus e Youtube.

Questa mattina, nella sede SAC, è stato presentato il nuovo progetto che rafforzerà il brand. E per marchio non si intende solo la Società Aeroportuale di Catania, ma tutta la filiera e le società che lavorano all’interno dello scalo.

Il progetto, “Aeroporto Amico”, porta con sé anche il nuovo logo: una serie di raggi che si intersecano e che danno vita a un disegno che richiama molto la forma della Sicilia. Ma, tra le immagini si può scorgere anche un aereo che atterra. O, ancora, il punto di partenza di questi raggi può essere identificato con Catania e il suo aeroporto.

Inoltre, alla presenza dei giornalisti, è stato dato il “click” per lanciare in rete la pagina FB ufficiale dell’aeroporto. All’interno di questa, quindi, sarà possibile avere tutte le informazioni ufficiali, che presto saranno disponibili in lingua.

Molto soddisfatto l’amministratore delegato SAC Gaetano Mancini: “Il nostro obiettivo è quello di essere sempre più vicini ai passeggeri e vogliamo puntare a migliorare i servizi in generale. La crescita di passeggeri, infatti, speriamo che accompagni anche quella del territorio. In questo nuovo progetto un ringraziamento speciale va anche ad Enac”.

Dello stesso avviso anche il presidente SAC Salvatore Bonura: “Il passeggero per noi è fondamentale. Per questo vogliamo essere il più precisi e puntuali possibile nella nostra comunicazione. Ringrazio vivamente anche tutte le altre società che lavorano all’interno dell’aeroporto. Grazie a loro possiamo offrire servizi sempre migliori”.

In conclusione, quindi, l’ente darà le informazioni necessarie al passeggero, che a sua volta potrà interagire facendo presenti i propri consigli e osservazioni.

 

 

Andrea Lo Giudice



© RIPRODUZIONE RISERVATA