Inganno

Acireale, truffava anziani con problemi psichici: arrestato con 140mila euro

foto
13 nov 2015 - 11:11

ACIREALE – Un cinquantaduenne di Mascali raggirava gli anziani ospiti di una struttura sanitaria prelevando ingenti somme approfittando della loro buona fede e accumulando un “tesoretto” di 140mila euro.

A fermare l’uomo sono state le fiamme gialle della tenenza di Acireale  che hanno scoperto un vero e proprio sistema fraudolento ai danni degli anziani.

I pazienti erano ricoverati all’interno della struttura convenzionata con l’Asp e risultavano essere affetti da gravi disturbi psichici, cosa che ha spinto l’uomo ad appropriarsi di cospicue somme di denaro facendo leva sul loro precario stato di salute mentale.

La Finanza attraverso il controllo dei conti corrente delle vittime hanno scoperto che da questi venivano prelevati ingenti somme di denaro contante, non compatibili con il pagamento della retta dovuta alla struttura sanitaria dato che l’Asp già versava l’intero importo dovuto per l’assistenza. 

Successivamente è emerso che tali prelievi venivano effettuati dall’uomo, spesso lasciando prosciugando totalmente i conti anche dopo la morte dei pazienti. 

Questo sistema ha permesso all’uomo di appropriarsi di 140.000 euro, in quattro anni, grazie anche all’aiuto di due dipendenti della struttura attualmente indagati per chiarire la loro posizione. 

Durante le indagini è stato appurato che il cinquantaduenne era riuscito a manipolare le menti deboli di alcuni pazienti, privi di familiari o congiunti, facendosi cointestare i loro libretti postali. 

In tutto ciò le vittime non erano state fondamentalmente interdette nonostante le gravi patologie psichiche. 

Attualmente il cinquantaduenne si trova agli arresti domiciliari con l’accusa di circonvenzione di incapace e appropriazione indebita. 

Commenti

commenti

Francesca Guglielmino



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento