Carabinieri

Acireale, per denaro picchia la madre anziana ed il fratello disabile

carabinieri aggressione denaro
23 giu 2015 - 17:17

ACIREALE - Ieri pomeriggio un uomo di circa 40 anni si è scagliato contro gli anziani genitori ed il fratello disabile perché in cerca di denaro. L’aggressore, già colpito da un provvedimento cautelare che nel settembre 2013 gli aveva definitivamente proibito di metter piede in casa dei genitori o di entrare in contatto con questi ultimi, vive al momento con i nonni.

Nonostante ciò ieri pomeriggio ha deciso di infrangere l’ordine di restrizione e si è così recato nella sua vecchia abitazione. Qui ha chiesto del denaro alla madre, la quale ha risposto di non essere in condizione di dargli ancora dei soldi. L’uomo, colto da un vero e proprio raptus, ha prima strattonato e poi gettato a terra la poveretta.

Preso dal panico il fratello disabile ha tentato in qualche modo di proteggere la madre, tuffandosi coraggiosamente nella mischia. Purtroppo l’uomo non ha avuto alcuna pietà, nemmeno per il ragazzo. Il poveretto quindi è stato a sua volta vittima di una nuova aggressione. Il padre, intanto apostrofato con epiteti ingiuriosi, non ha avuto modo di reagire se non chiamando i carabinieri.

Gli agenti, recatisi subito sul posto, non hanno fatto in tempo a sorprendere l’uomo in flagrante; quest’ultimo infatti si era nel frattempo dato alla fuga. Le forze dell’ordine lo hanno comunque intercettato nei pressi dell’abitazione dei genitori: il quarantenne era in evidente stato confusionale.

Intanto le due vittime del suo raptus sono state condotte, a scopo preventivo, all’ospedale di Taormina. Il fratello dell’aggressore, l’uomo disabile, ha riportato un trauma cranico non commotivo con ematoma sottocutaneo; la ferita è comunque guaribile in poco meno di una settimana. Nessun problema invece è stato per fortuna riscontrato per quanto riguarda i genitori. L’aggressore, adesso in attesa di giudizio, è stato costretto agli arresti domiciliari con l’accusa di tentata estorsione, lesioni personali e atti persecutori.

Commenti

commenti

Valentina Idonea



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un Commento