Tragedia

Alcamo: muore bambino di 5 anni per avvelenamento da farmaci

Ha inghiottito una buona dose di antidepressivi nella notte. Un bambino di 5 anni, Lorenz, è stato ritrovato morto nel suo letto dalla madre, questa mattina intorno alle sette. La tragedia è avvenuta ad Alcamo.
auto polizia
14 lug 2014 - 11:59

ALCAMO - Il suo esile corpicino era lì immobile, non dava segni di vita. A ritrovare il figlio, Lorenz di cinque anni morto nel suo lettino, questa mattina alle sette e mezza, è stata la madre. La tragedia è accaduta ad Alcamo in provincia di Trapani. Appena sveglia, la donna lo ha scosso più volte sperando che il piccolo rispondesse agli stimoli. Ma nulla da fare, il bambino era già deceduto dopo aver ingerito una buona dose di farmaci trovati in giro per casa.

«Aiuto, aiuto», le uniche parole che la signora, presa dal panico, è riuscita a urlare uscendo dalla abitazione e correndo in strada. Poi il pianto a dirotto e il disperato tentativo di far capire ai vicini cosa era appena successo al proprio figlio. Sono stati loro ad avvertire gli uomini del 118.

L’arrivo dei sanitari è stato immediato, per il bambino, però, non si è potuto fare nulla ed è stato constatato il decesso.

Ma come è potuto accadere? Come può un bimbo così piccolo da solo, nella notte, fare un gesto simile?

I contorni della vicenda non sono proprio chiari neanche agli uomini del commissariato di Alcamo e della squadra mobile di Trapani che sono arrivati sul posto per le indagini e non escludono alcuna ipotesi ivestigativa. Stando ad una prima ricostruzione, però, il piccolo, di cinque anni lo ricordiamo, avrebbe inghiottito diverse gocce di un medicinale antidepressivo utilizzato dalla madre e così sarebbe morto.

Il sostituto procuratore Sara Morri ha aperto, intanto, un fascicolo per omicidio colposo contro ignoti e sta iniziando gli interrogatori. La prima ad essere ascoltata sarà proprio la madre del bambino. E al momento sulla vicenda c’è il massimo riserbo da parte delle forze di polizia.

Commenti

commenti

Giorgia Mosca



© RIPRODUZIONE RISERVATA

Articoli Correlati