Ambiente
 

Operazione bonifica via Calliope: il punto della situazione

Commenti

commenti

16 dic 2016 - 17:54

CATANIA - Operazione di bonifica da ultimare in via Calliope. Gli operai comunali sono al lavoro da giorni per ripulire l’enorme discarica abusiva presente a pochi passi dal cimitero di Catania. La zona è tristemente famosa in tutta la città perchè da anni qui vengono abbandonate tonnellate di rifiuti pericolosi.

Su segnalazione dei residenti e dei commercianti della zona la commissione comunale alla Viabilità, presieduta da Carmelo Sofia, è voluta intervenire con un sopralluogo a cui hanno partecipato pure l’assessore all’Ecologia Rosario D’Agata e il presidente della VI municipalità Lorenzo Leone. Una seduta itinerante dettata dalla necessità di operare in via Calliope con un radicale piano di interventi improntato sulla sicurezza, la vivibilità e la mobilità del territorio; esattamente il contrario di quello che avviene ogni giorno in questa parte di Catania.

Un intero rione invoca lavori definitivi per eliminare questo disastro ambientale. Montagne di copertoni, pezzi d’auto, quantità enormi di eternit e ogni altro tipo di materiale pericoloso e infiammabile rappresenta una problema che non va più preso sottogamba. Sono, infatti, ormai troppi anni che nella zona a ovest del rione di Fossacreta si trova una delle più grosse aree adibite all’abbandono illegale dei rifiuti. Lungo via Calliope scorre pure uno dei più importanti corsi d’acqua di Catania, il torrente Aquicella che adesso assomiglia ad uno scarico fognario di qualche complesso industriale. Già in passato si è cercato di bonificare l’intera zona utilizzando camion, squadre di operai e perfino escavatrici.

Materiale di risulta, vecchi elettrodomestici, fusti pieni di olii esausti, mobili e copertoni: questi sono solo alcuni dei materiali raccolti a tonnellate. Da qui la necessità di intraprendere altre opere per ottenere la completa sicurezza dell’area dopo che gli operai avranno completato anche questi ultimi lavori.

Nessuno può permettersi di considerare il problema risolto definitivamente – spiega Vincenzo Parisi, presidente della commissione comunale al Bilancio – il denaro che il Comune sborsa per smaltire a norma di legge i rifiuti pericolosi è enorme. Occorre, quindi, proteggere la zona per evitare la nascita di altre discariche abusive. In via Calliope serve la video sorveglianza, per garantire la tutela dell’ambiente ed evitare degrado ed abbandono ai residenti del quartiere, ma soprattutto pattugliamenti costanti sopratutto nel cuore della notte. È proprio quando cala il buio che in questa strada la spazzatura viene abbandonata a ritmi frenetici e, nel giro di una notte, viene ricreata una nuova discarica abusiva”. 

Commenti

commenti

Redazione NewSicilia



Lascia un Commento